Gli incredibili benefici di questa bevanda fino ad oggi considerata dannosa | Aiuta anche a ridurre il colesterolo

Il colesterolo è un grasso presente nel sangue, in gran parte prodotto dall’organismo. Un eccesso causa malattie cardiache

Nell’immaginario collettivo, questa bevanda (soprattutto se assunta in grandi quantità) è nociva per la salute. Ma oggi vi dimostreremo come uno studio dimostri il contrario, soprattutto per quanto concerne il livello di colesterolo.

Bevande (fonte web) direttanews.it (1)
Bevande (fonte web)

Le malattie cardiovascolari, secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), rappresentano la principale causa di morte nel nostro Paese, essendo responsabili del 44 percento di tutti i decessi. In questo genere di patologie per garantire il successo dell’intervento terapeutico nelle condizioni croniche, l’aderenza terapeutica è un elemento di fondamentale importanza.

Con l’emergenza sanitaria da Covid-19 si è verificata, però, non solo una drastica riduzione di controlli clinici e di esami diagnostici, ma anche una minore aderenza ai corretti stili di vita e alle terapie. Per questo sebbene l’efficacia di farmaci impiegati nella prevenzione di queste malattie, come antipertensivi, antiaggreganti e statine sia supportata da ampie e consolidate evidenze scientifiche, la mancata o insufficiente aderenza terapeutica da parte di pazienti con malattie cardiovascolari rappresenta un problema anche alla luce dell’invecchiamento della popolazione.

In Italia nel 2020 si stima un costo complessivo legato alle patologie cardiovascolari di ben 23 miliardi. In aumento rispetto ai 18 miliardi stimati nel 2014. Il colesterolo è un grasso presente nel sangue, in gran parte prodotto dall’organismo, mentre in minima parte introdotto con la dieta. In quantità fisiologiche, il colesterolo è coinvolto in diversi processi fondamentali per il funzionamento dell’organismo. Quando è presente in quantità eccessiva costituisce uno dei fattori di rischio maggiori per le malattie cardiache.

Bere birra fa bene al colesterolo

Bere birra fa bene all’intestino e può aiutare a prevenire malattie croniche. A rivelare i benefici della bionda, uno studio del Center for Research in Health Technologies and Services (Cintesis), istituto di ricerca di Porto, in Portogallo.

I benefici della birra (web source) 6.7.2022 direttanews
I benefici della birra (web source)

Il consumo di birra, si legge in una nota del Cintesis, contribuisce a migliorare il microbiota intestinale, un fattore ormai associato alla prevenzione di malattie croniche molto comuni, come obesità, diabete e malattie cardiovascolari.

Per realizzare lo studio, come spiega l’istituto di ricerca, sono stati selezionati uomini sani tra i 23 e i 58 anni di età, ai quali sono stati fatti bere 330 millilitri di birra al giorno, con o senza alcol, per quattro settimane. La ricerca ha evidenziato che bere birra aumenta la diversità del microbiota intestinale, senza aumentare il peso e la massa grassa, e non interferisce in modo significativo con i biomarcatori cardiometabolici come glucosio, colesterolo e trigliceridi.

L’effetto benefico della birra è legato ai polifenoli presenti nella bevanda, come è già stato dimostrato nel vino rosso. Dallo studio, pubblicato di recente sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, è emerso che i benefici della birra sull’intestino “sono indipendenti dalla gradazione alcolica”. Ovviamente, consigliamo sempre un’assunzione moderata della birra e degli alcolici in generale.