L’inflazione galoppa, il Governo interviene sugli stipendi | Ecco le novità sugli aumenti in busta paga

Dai numeri dell’Istat arriva la conferma alle difficoltà delle famiglie a far quadrare i conti. Ecco cosa accadrà alle buste paga

La mannaia dell’inflazione continua ad assottigliare il potere d’acquisto delle famiglie italiane. Proprio ora che la stagione estiva è iniziata e l’auspicio di tutti era quello che l’economia del nostro Paese potesse tornare a correre. Ma le cose potrebbero cambiare presto. Ecco cosa sta studiando il Governo presieduto da Mario Draghi.

Stipendi (web source) 8.7.2022 direttanews
Stipendi (web source)

La fotografia scattata dall’Istat, e relativa al primo trimestre dell’anno, riaccende il dibattito politico sugli interventi da mettere in campo per fronteggiare il continuo aumento dei prezzi. Il reddito disponibile delle famiglie è aumentato del 2,6% rispetto al trimestre precedente.

Tuttavia, per effetto del generalizzato aumento dei prezzi, il potere d’acquisto delle famiglie è cresciuto soltanto dello +0,3%. La propensione al risparmio delle famiglie è stata pari al 12,6%, in aumento di 1,1 punti percentuali rispetto, a fronte di una crescita della spesa per consumi finali più debole rispetto a quella del reddito disponibile.

Dai numeri dell’Istat arriva la conferma alle difficoltà delle famiglie a far quadrare i conti. Il cuneo fiscale in Italia è 207, la media europea è 179 e in Spagna 160. Sugli interventi da mettere in campo per contrastare l’erosione del potere acquisto delle famiglie scendono in campo anche i sindacati. Il leader della Cisl, Luigi Sbarra, ritiene indispensabile che l’esecutivo convochi un tavolo finalizzato a governare le dinamiche dei prezzi e delle tariffe, per poi passare a “elevare retribuzioni e pensioni, di incrementare e redistribuire lavoro e produttività.

Sulla stessa lunghezza d’onda il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, secondo il quale bisogna “intervenire subito, immediatamente per recuperare il potere d’acquisto di lavoratori e pensionati. L’inflazione sale, il costo dell’energia pure, e non ci sono interventi immediati sugli stipendi e sulle pensioni”. Ecco allora cosa sta preparando il Governo.

Le decisioni del Governo sugli stipendi

Proprio in questi giorni, il primo ministro Mario Draghi dovrebbe incontrare i Sindacati per discutere della delicata situazione. Mentre si continua a parlare (e litigare) sul salario minimo, l’obiettivo del Governo è quello di inserire più denaro nelle buste paga degli italiani.

Stipendi (web source) 8.7.2022 direttanews 2
Stipendi (web source)

Un primo intervento, come noto, c’è stato con il riconoscimento del bonus una tantum del valore di 200 euro. Un aiuto, innegabile. Ma troppo poco. E’ il parere unanime, vista la situazione che l’economia mondiale sta affrontando.

Salario minimo, rinnovi contrattuali e taglio del cuneo fiscale. Queste le tre direttrici su cui si sta muovendo il Governo. Con il taglio del cuneo fiscale del 4% (la percentuale che circola nei Palazzi), ci sarebbe un aumento dello stipendio netto che va dai 75 ai 50 euro, a seconda della fascia di reddito. Ma si pensa anche a estendere il bonus 200 euro per tutta la durata dell’emergenza, andando però a coinvolgere anche i lavoratori che sono stati esclusi dalla misura. Sembrerebbe, però, che ogni riforma strutturale possa slittare a dopo l’estate.