Bonus reddito di cittadinanza, ecco come ottenere fino a 780 € in più | Le modalità per richiedere il contributo aggiuntivo

Il reddito di cittadinanza é sulle pagine di politica e cronaca da ormai molto tempo; al centro di accesissimi dibattiti sull’utilità o meno di questo contributo, proprio in questi giorni si scopre che è in arrivo un bonus aggiuntivo all’importo che già è stato assegnato. Una manovra che, a detta dello Stato, servirà a incoraggiare i cittadini ad inserirsi nel mondo del lavoro.

Stiamo parlando di un decreto approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali già pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, quindi già disponibile alla richiesta da parte dei precettori del Reddito di cittadinanza. Un nuovo contributo che spingerà la popolazione verso un reinserimento lavorativo.

Il bonus aggiuntivo per chi riceve il reddito di cittadinanza (fonte web) direttanews.it (1)
Il bonus aggiuntivo per chi riceve il reddito di cittadinanza (fonte web)

Un bonus fino a 780 € per i destinatari del reddito di cittadinanza

È sicuramente una novità inattesa che andrà ad arricchire ulteriormente le tasche dei cittadini che ricevono questo aiuto economico da parte del Governo. Per richiedere il bonus è sufficiente compilare un modello COM esteso ed inviarlo all’inps. Sarà lo stesso ente provvidenziale a verificare i requisiti del richiedente e a deliberare l’emissione del bonus aggiuntivo.

Sono addirittura sei mensilità aggiuntive di reddito che vengono calcolate in base al valore dell’assegno spettante. L’assegno quindi non potrà essere superiore a 780 € mensili, una quota consistente che andrà a aggiungersi al contributo già ricevuto. L’incremento economico spetta infatti a chi ha aperto una partita iva o un’azienda nel 2022. La caratteristica necessaria per richiedere il contributo, è che si deve essere già beneficiari del reddito di cittadinanza per almeno 12 mesi durante i quali si è aperta una partita iva o un’azienda. L’avvio dell’attività deve comunque rientrare nei termini dal 1 gennaio 2022 ad oggi.

Ecco chi potrà richiedere il contributo economico aggiuntivo

Questo bonus aggiuntivo potrà essere richiesto sia dai beneficiari del reddito di cittadinanza sia da chi appartiene ad un nucleo familiare con almeno un precettore. La regolamentazione di questo bonus è comunque molto stretta. Per evitare truffe ai danni dello Stato sono stati fissati dei termini prima dei quali è impossibile chiudere l’attività.

Il bonus per chi apre una partita iva o un'azienda (fonte web) direttanews.it
Il bonus per chi apre una partita iva o un’azienda (fonte web)

Se l’impresa individuale viene chiusa prima dei 12 mesi dall’apertura, non solo verrà interrotta immediatamente l’erogazione del bonus, ma, cosa ancor più grave, sarà obbligatorio restituire tutta la somma ricevuta fino a quel momento.

Stessa modalità per chi, nel caso di una società di persone o di una cooperativa, cede la propria parte prima dell’anno. In questo caso il bonus verrà immediatamente sospeso come nel caso di un soggetto che perderà le caratteristiche per ricevere il reddito di cittadinanza e che ovviamente non potrà più ricevere il contributo aggiuntivo.