Udc, Pier Ferdinando Casini: “Basta perdere tempo, subito una riforma elettorale con Alfano e Bersani”

Pier Ferdinando Casini (foto Facebook official)

 

 

UDC – Stamane il presidente del Consiglio Mario Monti ha ricevuto a Palazzo Chigi il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, dopo gli incontri di ieri con Pier Luigi Bersani e Angelino Alfano. “Ho trovato il presidente del Consiglio tonico – ha detto Casini nella conferenza stampa al termine dell’incontro -, impegnato a lavorare al programma delle cose da fare nei prossimi mesi”. Ed ha lanciato un appello ai leader di Pdl e Pd per trovare un accordo sulla riforma della legge elettorale: “Usciamo dai conciliaboli segreti, non procediamo in ordine sparso. Io propongo a Bersani e Alfano di fissare una riunione della maggioranza per stabilire una piattaforma di riforma elettorale… Non perdiamo più tempo – ha aggiunto -. Diamo l’immagine di un Paese che anche sulla riforma elettorale va avanti e non ricade negli errori del passato. Non procediamo più in ordine sparso, facciamo un incontro collegiale e mettiamo a punto una nostra proposta su cui realizzare anche l’intesa delle altre forze politiche di opposizione, perché l’intesa più è ampia e più è garanzia per tutti. Non perdiamo più tempo perché gli italiani si chiedono se stiamo facendo ‘ammuina’ o se vogliamo una nuova legge”.

Il leader centrista ha riconfermato ancora una volta la fedeltà assoluta e indiscutibile al Governo Monti, assicurando che non ci saranno ulteriori manovre finanziarie e precisando che il Professore “è impegnato a mettere a punto un piano di prossimi impegni parlamentari” e “sta riempiendo l’agenda di cose da fare”, anche se sui contenuti “sarà lui a dare anticipazioni quando lo riterrà opportuno”.

Finora nulla da recriminare all’esecutivo dei tecnocrati: “Abbiamo fatto un bilancio di ciò che è stato fatto: un bilancio molto positivo. Da anni si aspettavano riforme che questo Governo, con l’aiuto del Parlamento e di questa strana maggioranza, è riuscito a fare – ha proseguito Casini -. Il bilancio positivo ci è riconosciuto da tutti e questo non c’entra nulla con le difficoltà di una bufera economica e finanziaria che coinvolge tutto il mondo e tutta l’Europa. Nessuno ci può togliere – ha concluso Casini – i risultati che abbiamo raggiunto, nemmeno l’alto spread”.

 

Redazione

 

Con Direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan