Droga, Roma capitale dell’overdose

Roma capitale della droga killer: nel 2010 si è registrato nella capitale il record nei sequestri di cocaina (225 chili, il doppio di Milano), ma nel 2008 purtroppo anche il record dei morti: 87 a livello regionale, 69 nella capitale.

La sostanza piú diffusa tra i tossicodipendenti romani è l’eroina (47%), seguita a distanza dalla cocaina (27,8%), ma il numero dei cocainomani cresce piú rapidamente. Allarmano le nuove droghe ‘smart’, miscele da fumo a base di sostanze non ancora censite ufficialmente, con effetti psicoattivi anche dieci volte superiori alla cannabis. A rivelarlo è Sette, in edicola da giovedí 22 luglio, che esamina tutti i dati sullo stato delle tossicodipendenze nel Lazio e in particolare a Roma, dove i consumi sono in crescita piú che nel resto d’Italia.

A preoccupare gli esperti è anche l’ ampliarsi della fascia di età dei consumatori: tutti gli indicatori mostrano che il primo contatto con gli stupefacenti puó avvenire già a 9 anni, e fino a 52. Il consumo non conosce barriere sociali, e procurarsi la dose non è difficile ne’ per i manager ne’ per i proletari: a Roma la droga si trova dovunque, nelle strade della movida a Testaccio, Pigneto, San Lorenzo e Trastevere, e negli androni a San Basilio, Tor Bella Monaca, Torre Maura e Finocchio. Nel corso del 2009 l’ Agenzia comunale per le tossicodipendenze ha accolto e assistito in totale 1950 persone.

Aduc