Legge elettorale, Grasso: “Se manca accordo al Senato, si vada alla Camera”

Pietro Grasso (Foto: ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Il presidente del Senato Pietro Grasso ha provato oggi a imprimere una svolta rispetto alla discussione che riguarda la legge elettorale, bloccata in Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama a causa di veti incrociati sulle diverse proposte. L’ex procuratore antimafia, intervenendo alla presentazione del volume fotografico PhotoAnsa 2013, ha commentato infatti: “Spero che presto si possa trovare sulla legge elettorale un’ampia condivisione qui in Senato, dove la mediazione è più complessa ma ineludibile”.

“Se lo stallo dovesse continuare, non esiterò a sollecitare il trasferimento di questo tema alla Camera”, ha poi aggiunto Grasso, strigliando le forze politiche, che “sembrano non sentire, non cogliere la marea montante di una rabbia che si riverserà con ancora più forza su tutti i partiti se dovesse restare l’attuale legge elettorale”.

Poi Grasso ha lanciato una frecciatina anche al governo guidato da Enrico Letta: “Le foto delle larghe intese, soprattutto quelle dell’autunno, sono per usare un’immagine tecnica forse un po’ sfocate e un po’ mosse. Sono sicuro che quelle del prossimo anno saranno di chiare intese e decisamente più a fuoco e più stabili”.

Redazione online