“Non sono profughi, vogliono solo il benessere tedesco”

Orban Migranti Profughi
(Dan Kitwood/Getty Images)

Parola di Viktor Orban, il premier ungherese che non molla la presa e continua la sua personalissima battaglia contro i migranti, contro chi vuole accoglierli e anche contro i suoi ministri che non lo seguono abbastanza nella usa linea aggressiva. Ieri Orban ha licenziato il suo ministro della Difesa reo di non aver completato in tempo il muro anti-immigrazione, poche ore prima aveva attaccato la Germania e l’Austria intimando loro di chiudere le frontiere e respingere i migranti. Ora se la prende proprio con i profughi che secondo lui non sono in realtà chi dicono di essere: “La maggior parte dei migranti che stanno arrivando in Europa in questi giorni non appartiene alla categoria dei rifugiati ma degli immigrati. La dimostrazione è che non si fermano nel primo paese sicuro in cui entrano, ma vogliono il benessere tedesco”. si tratterebbe dunque secondo il premier ungherese dei cosiddetti “migranti economici” ovvero di chi scappa dalla povertà o comunque da una condizione di scarse risorse e non di profughi, ovvero chi scappa da una guerra perché sta rischiando la vita ogni giorno. Orban ha poi aggiunto: “Se vogliono andare oltre l’Ungheria non è perché sono in pericolo, ma perché vogliono qualcos’altro. Il loro obiettivo è la Germania e lo stile di vita tedesco non la sicurezza fisica”.

Sulle decisioni che Bruxelles sta prendendo in merito alle quote obbligatorie di migranti e alle sanzioni per chi non le accetta Orban ha le idee chiare: “E’ evidente che l’Europa non è più in grado di difendere i propri confini. E fin quando questa situazione continuerà non ha senso discutere di un sistema di quote per ospitare i migranti/profughi”.

F.B.