“Il libro della giungla”: recensione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:20

fckNata dalla penna di Rudyard Kipling, l’avvincente storia del giovane Mowgli arriva oggi, 14 aprile, nelle sale italiane grazie al film Disney in live action Il libro della giungla. Diretto da Jon Favreau (Iron Man, Iron Man 2), la rivisitazione in chiave “carne e ossa” dell’indimenticabile classico d’animazione diretto da Wolfgang Reitherman, che uscì nelle sale americane nel 1967 e che divenne un grande classico, si appresta anche stavolta a conquistare il cuore degli spettatori.

La pellicola, come ben saprete, narra le vicende di Mowgli, un giovane cucciolo di uomo cresciuto da una famiglia di lupi e costretto a lasciare la giungla quando la temibile tigre Shere Khan, segnata dalle cicatrici dell’uomo, giura di eliminarlo per evitare che diventi una minaccia. Mentre abbandona la sua unica casa, Mowgli s’imbarca in un avvincente viaggio alla scoperta di se stesso, guidato dal suo severo mentore, la pantera Bagheera, e dallo spensierato orso Baloo. E lungo il viaggio conoscerà insidie, il re delle scimmie e il subdolo serpente Kaa.

Nel film Mowgli è ben interpretato da Neel Sethi, e la natura rigogliosa e pericolosa è davvero magniloquente. L’impresa di Favreau è piena di animazioni fotorealistiche, di pura azione, di sequenze dark, e di avventure più adulte e paurose.

Infatti, le performance live action dai ritmi incalzanti unite alle spettacolari ambientazioni digitali mirano al pieno coinvolgimento emotivo del pubblico. E ci riescono perfettamente, perché questa versione de Il libro della giungla ha un tono decisamente più cupo, dinamico e minaccioso, nonostante alcuni richiami musicali al cartoon classico. Di conseguenza, è garantito che adulti e bambini rimarranno incollati alla sedia, tra l’incanto di panorami affascinanti, l’ingegno degli animali della giungla e il terrore generato da un’avventura di formazione mozzafiato.

Molti i personaggi indimenticabili che cattureranno l’attenzione degli spettatori come, la materna lupa Rashka (doppiata da Violante Placido), il nobile mentore Bagheera (doppiato da Toni Servillo), il sornione Baloo (doppiato da Neri Marcorè) e la seducente Kaa (doppiata da Giovanna Mezzogiorno), l’irascibile re Louie (doppiato da Giancarlo Magalli).

In conclusione, quest’inedita versione de Il libro della giungla, caratterizzata da un registro dark e una potente colonna sonora, vi colpirà per calore e umanità, ma soprattutto perché sarà in grado di catapultarvi in un mondo credibile e temibile, e di farvi percepire tutta la maestosità e il fascino esotico della giungla indiana.

Silvia Casini

© Riproduzione Riservata