“Chiamate la polizia”, nella piazzola di sosta accade l’incredibile

(Websource/archivio)
(Websource/archivio)

Un coltello dalla lama di almeno due centimetri di larghezza ha trapassato il suo cuore. Così ha perso la vita Roman Mazurin, 32 anni, autotrasportatore russo. L’uomo è stato ucciso durante una lite a ridosso del confine fra Italia e Slovenia, nella piazzola di sosta dell’autoporto di «Fernetti», sull’altopiano carsico, a pochi chilometri da Trieste. Ieri sera, ancora in vita e in una pozza di sangue è stato ritrovato il suo corpo sull’asfalto, in mezzo a decine di Tir parcheggiati. Il luogo è infatti uno dei più grandi e importanti autoporti sulle direttrici che collegano l’Italia con l’Est Europa, da una parte, e le autostrade che portano nei Balcani, dall’altra. Immediati i soccorsi sopraggiunti sul posto, ma per l’uomo ferito non c’è stato nulla da fare. Stamani i carabinieri del Comando provinciale di Trieste, al comando del colonnello Daniel Melis, hanno sottoposto a fermo due camionisti russi quali indiziati del reato di omicidio. In base alle prime ricostruzioni del delitto, entrambi gli uomini conoscevano Roman e avevano cominciato un litigio con lui in un bar, proseguendolo fino all’area di sosta dei Tir. Un autista slovacco ha testimoniato di aver sentito urlare in russo prima del silenzio più totale. Alcuni oggetti dell’uomo ucciso sono stati ritrovati nel camion di uno dei due fermati. Sull’altro gli investigatori hanno rinvenuto invece tracce di sangue. “Abbiamo tentato di aiutarlo quando lo abbiamo visto per terra pieno di sangue e uno di noi si è sporcato”, hanno dichiarato i due autisti, convincendo poco gli investigatori. La vicenda presenta ancora molti aspetti da chiarire, come i motivi del litigio e la ricostruzione esatta di ciò che è avvenuto in quegli ultimi minuti, non è stata tra l’altro ritrovata l’arma del delitto. Gli investigatori stanno esaminando i filmati delle telecamere dell’autoporto. Roman Mazurin lavorava per la SnaTrans di Bryansk (Russia), una ditta che si occupa principalmente del trasporto di elettrodomestici e mobili dall’Italia alla Russia.
BC