F1, a Sepang, la pole è di Webber, le Ferrari battute dalla pioggia

Nel GP della Malesia di domani Fernando Alonso (19°) e Felipe Massa (21°) domani dovranno partire rispettivamente dalla decima e dalla undicesima fila. Il motivo? La pioggia che a pochi minuti dall’inizio delle qualifiche è arrivata puntualmente, ha fortemente pregiudicato la griglia di partenza per la casa di Maranello.
In qualifiche pesantemente condizionate dal maltempo, il miglior tempo è stato di Webber su Rosberg e Vettel. Ottavo Schumacher.


Mentre infatti tutti gli altri sono usciti alla caccia di un tempo immediato, le rosse hanno aspettato troppo, probabilmente anche fuorviate da previsioni meteo che davano la pioggia in diminuzione. Ma così non è stato e così quando ci hanno provato sono uscite per il loro tentativo ma la pista era irrimediabilmente troppo bagnata. E l’immagine di Alonso più volte in testacoda per cercare il tempo qualificazione è il simbolo della giornataccia del Cavallino.

delusione — I due ferraristi non hanno nascosto la delusione. “Bisogna evitare errori di questo tipo – ha detto Alonso a caldo – pensavamo che la pioggia fosse finita, ci siamo sbagliati. La gara però è domani e come dimostrato anche in Australia, anche partendo da dietro si possono fare buone cose. Le aspettative restano alte”. Stesso discorso da Massa: “E’ stato un errore di valutazione di tutti noi, ha iniziato a piovere prima delle qualifiche, poi ha smesso e pensavamo che aspettare fosse la giusta decisione. Invece siamo usciti e la pista era troppo allagata. Che dire… Domani sarà una gara interessante per chi è a casa, speriamo anche per noi”.Un errore di valutazione che domani costringerà anche Lewis Hamilton a scattare proprio nella morsa delle due rosse, precedute dalla Lotus di Jarno Trulli. L’inglese della McLaren, 20°, non è riuscito a fare il tempo ed è l’altro grande deluso della giornata. E con lui il suo compagno di squadra Jenson Button che ha sì passato il taglio ma finendo nella ghiaia all’ultimo tentativo. Macchina ferma e niente seconde qualifiche così partirà 17°.
La palma di fenomeno della giornata va così a Mark Webber, autore della pole position. L’australiano della Red Bull ha preceduto la Mercedes di Nico Rosberg e il compagno di squadra Sebastian Vettel, a conferma che le Red Bull in qualifica sono sempre le vetture da battere. Quarto tempo per Sutil con la Force India, quinto per Nico Hulkenberg e sesto per Robert Kubica, a lungo nelle prime posizioni. Poi Barrichello e Michael Schumacher. Domani alle 10 il GP.