Inchiesta tangenti: Bersani chiede regolamentazione sui bilanci dei partiti

Pier Luigi Bersani

TANGENTI: BERSANI CHIEDE LEGGE SU BILANCI PARTITI – La vicenda giudiziaria che ha coinvolto Filippo Penati, ex vicepresidente del consiglio regionale lombardo indagato dalla procura di Monza per finanziamento illecito ai partiti e corruzione, scuote il Pd ed ora i vertici del principale partito di opposizione propongono misure per evitare che il caso possa ripetersi. Il segretario Pier Luigi Bersani auspica che “Penati possa vedere presto riconosciuta l’innocenza che rivendica con tanta forza” e chiarisce la linea del Pd nei confronti dei casi analoghi. “In caso di inchiesta – spiega – le istituzioni e il partito in attesa che le cose si chiariscano, non devono essere messi in imbarazzo e devono poter agire in piena serenità”. Bersani ritiene inoltre necessario il varo di “una legge sui partiti che garantisca bilanci certificati, meccanismi di partecipazione e codici etici, pena l’inammissibilità a provvidenza pubbliche o alla presentazione di liste elettorali. Il Pd è totalmente estraneo ai fatti oggetto di indagine a Monza e altrove. Ci tuteliamo e ci tuteleremo in ogni sede legale, contro chiunque affermi o insinui il contrario”.

In un’intervista rilasciata a La Repubblica Sergio Chiamparino, ex sindaco di Torino, ha espresso la massima fiducia in Penati e ha proposto “l”abolizione dell’autorizzazione all’arresto”.

Redazione online