WhatsApp fa un’incredibile regalo ai propri utenti. Si tratta di..

    1

    Sms gratuiti sui telefoni cellulari e chiamate vocali. Sono questi gli obiettivi di WhatsApp, la popolare applicazione di messaggistica istantanea per smartphone, che ha annunciato di voler allargare la base dei propri utenti a partire dal secondo trimestre del 2014.

    SMS E CHIAMATE VOCALI – Ad annunciare la novità è stato Jan Koum, l’amministratore delegato dell’azienda che, come da accordi con Mark Zuckerberg, ha mantenuto il proprio ruolo e e la propria indipendenza anche dopo l’acquisto per 19 miliardi di dollari da parte di Facebook. È stato proprio Koum in persona ad aprire il Mobile World Congress di Barcellona, annunciando di voler «entrare in ogni cellulare»: «Vogliamo essere sicuri che le persone possano permettersi di restare sempre in contatto con i propri amici e famigliari – ha detto il CEO di WhatsApp – Introdurremo le chiamate vocali nel secondo quarto di quest’anno».

    PRIMA IPHONE E ANDROID – Secondo quanto riporta C|net, WhatsApp dovrebbe cominciare a implementare i servizi vocali sull’applicazione per iPhone e Android, per poi portarli anche su Windows Phone e BlackBerry. La mossa di WhatsApp promette di essere molto più che una semplice «spina nel fianco» degli operatori di telefonia mobile, già duramente provati dalla massiccia diffusione di applicazioni per la messaggistica istantanea che permettono agli utenti di comunicare attraverso il web. L’app di Koum, attualmente utilizzata da 465 milioni di utenti mensili, offre già la possibilità di inviare messaggi vocali, ma non la possibilità di fare vere e proprie telefonate: «Useremo la stessa quantità di banda e ottimizzeremo il prodotto».

    WHATSAPP RESTERÀ INDIPENDENTE DA FACEBOOK – Riguardo al recente acquisto della società da parte di Facebook, Koum ha sottolineato ancora una volta che «Non ci sono in programma cambiamenti. Se continuiamo su questa strada possiamo solo raggiungere un miliardo o due di utenti» ma, ha assicurato, Facebook e WhatsApp continueranno a perseguire ciascuno i propri obiettivi.

    Fonte: www.giornalettismo.com