Niscemi, tensioni alla protesta dei No Muos: tafferugli tra manifestanti e forze dell’ordine

Membri del Comitato No Muos (screnshot youtube)
Membri del Comitato No Muos (screnshot youtube)

Si sono registrati dei momenti di tensioni alla manifestazione dei No Muos tra attivisti e forze dell’ordine a Niscemi.

Il corteo organizzato dal Comitato No Muos, al quale hanno preso parte circa 2mila cittadini provenienti da tutta la Sicilia, è partito alle 16h dalla contrada Ulmo e si è diretto verso la base della marina militare americana nella quale è in costruzione il Muos, acronimo di Mobile User Objective System, un innovativo mezzo di comunicazione tra satelliti militari di tutto il Mondo in costruzione.

La protesta contro la sua costruzione prosegue da anni per difendere il patrimonio naturale circostante in quanto sta comportando la distruzione della riserva naturale Sugherata di Niscemi e provocando la scomparsa di numerose specie faunistiche nonché sta gravando sulla salute dei cittadini.
Infatti, la costruzione della base a distanza di anni sarebbe la causa di gravissime malattie per l’uomo.

Il Muos presente in altre tre aeree del mondo, tra cui la Virginia e le Haiwai, ha fino ad oggi 46 antenne e la sua attivazione potrebbe ripercuotersi sui sistemi elettromagnetici circostanti e potrebbe l’insorgenza di malattier gravi come leucemie, tumori, infertilità e cataratte a lungo raggio per quasi l’intero perimetro Siciliano.

Al corteo si sono verificati dei tafferugli davanti al cancello 1 della base militare tra manifestanti e forze dell’ordine che si sono schierate in assetto antisommossa. Nel corso degli scontri sono volati colpi e manganellate e un poliziotto è rimasto lievemente ferito al volto.
Il corteo si sta ora dirigendo verso la zona in cui lo scorso 9 agosto ha venne forzato l’ingresso della base, con la successiva invasione dell’area militare.

Redazione