Giovedì il primo anno di Pontificato per Papa Francesco, la testimonianza di Padre Lombardi

Papa Francesco e Padre Federico Lombardi (VINCENZO PINTO/AFP/Getty Images)
Papa Francesco e Padre Federico Lombardi (VINCENZO PINTO/AFP/Getty Images)

Alla vigilia del primo anniversario di Pontificato di Papa Francesco che ricorrerà giovedì 13 marzo, tante sono le testimonianze e gli attestati di affetto che giungono da tutto il mondo. Tra questi, le parole del direttore della Sala Stampa Vaticana, Padre Federico Lombardi, che intervistato da Radio Vaticana ha sottolineato come “la cosa principale di questo primo anno è certamente la grande attenzione, la grande attrazione della gente”.

Padre Lombardi parla di un sentimento che “penso e spero sia radicato molto profondamente nel cuore delle persone, che si sono sentite toccate da una parola di amore, di attenzione, di misericordia, di vicinanza, di prossimità, in cui attraverso l’uomo, il Papa, è l’amore di Dio che arriva”. Tra i ricordi più importanti di questo anno di Pontificato, il giornalista della Santa Sede ricorda “il viaggio a Lampedusa, con la sua grande intensità di vicinanza alle persone più dimenticate e abbandonate e a coloro che sono morti nel viaggio della speranza e del dolore verso un futuro migliore”, ma anche la Giornata Mondiale della Gioventù a Rio e il viaggio ad Assisi.

Il portavoce della Sala Stampa Vaticana sostiene ancora: “Il Papa ha dato un grande impulso e cammina con una Chiesa che cerca la volontà di Dio, che cerca la sua missione nel mondo di oggi per il bene di tutti, andando veramente verso le periferie, verso i confini del mondo. Il Papa ha parlato spesso dei pastori che sono davanti, dentro, dietro il gregge, per aiutarlo a camminare, a trovare la sua strada. Mi sembra che egli sia veramente così e invita anche tutta la Chiesa ad essere in cammino”.

Rispetto al suo ruolo, Padre Lombardi afferma che a suo avviso sta avvenendo “quello che ho sempre anche un po’ desiderato: che il Papa arrivi direttamente senza distanze, senza ostacoli al cuore delle persone con le sue parole”. Ha chiosato il direttore della Sala Stampa Vaticana: “Quella che è la parola del Papa per la gente, per il mondo, per la Chiesa arriva direttamente a loro”.

Redazione online