RAGAZZA ROMENA IN COMA / Roma, colpita da un giovane pregiudicato italiano per una banale lite

RAGAZZA ROMENA IN COMA – I Carabinieri della Stazione di Roma Cinecittà in collaborazione con i militari del 6* Reggimento Genio Pionieri hanno arrestato un 20enne romano pregiudicato, che per una banale lite ha colpito al volto con un pugno una cittadina rumena, infermiera professionale di 32 anni, mandandola in coma. Il tutto è accaduto all’interno della stazione metropolitana Anagnina. Il ragazzo e la donna si trovavano in fila per fare il biglietto, quando tra i due è nato un diverbio. In un secondo momento, quando la cosa sembrava finita, la lite si è riaccesa mentre i due si erano allontanati dallo sportello. Dalle parole il 20enne è passato ai fatti colpendo violentemente con un pugno il volto della donna, che è caduta all’indietro priva di sensi. Immediato l’intervento dei Carabinieri della Stazione di Roma Cinecittà che con i militari impegnati nell’operazione ”strade sicure”, dopo avere raccolto le testimonianze dei presenti hanno rintracciato e arrestato l’aggressore.
La donna prontamente soccorsa e trasportata d’urgenza presso il policlinico ”Casilino” è stata operata per le gravissime lesioni riportate al cranio ed è tuttora in coma. Il pregiudicato è stato condotto presso il carcere romano di Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Fonte: Asca