Repubblica: Proteste a Londra: arrestato figlio adottivo del chitarrista dei Pink Floyd

ARRESTATO FIGLIO DEL CHITARRISTA DEI PINK FLOYD – Suo padre cantava: «We don´t need no education». Non abbiamo bisogno di educazione. Ma lui, adesso, rischia di riceverne una severa, dietro le sbarre. Charlie Gilmour, 21 anni, figlio del chitarrista dei Pink Floyd, è stato arrestato ieri a Londra per «disordini, danni a un monumento nazionale e furto», ovvero per quello che ha combinato durante la manifestazione di giovedì scorso davanti al Parlamento, in cui decine di migliaia di studenti protestavano contro l´aumento delle tasse universitarie. Una dimostrazione iniziata pacificamente e finita con violenti scontri con la polizia, culminati nell´attacco all´auto di Carlo e Camilla.

Pugni, calci e mattoni contro la vettura dell´erede al trono hanno scioccato la nazione, ma uno sdegno anche maggiore è stato il gesto del giovane Gilmour: farsi dondolare dalla bandiera del Cenotafio, il monumento al milite ignoto. «Non sapevo che monumento fosse», ha detto il ragazzo, scusa debole per uno che studia Storia a Cambridge. «Mi sono fatto prendere, è stata la follia di un istante, sono pentito, ho il massimo rispetto per i soldati che si sacrificano per la nostra patria», ha provato a giustificarsi in seguito. Un amico ha aggiunto che Gilmour era in preda all´Lsd, non si rendeva conto di cosa stava facendo.

Non è servito. Dopo che la sua foto dondolante dal Cenotafio è apparsa su tutti i giornali, un´altra lo mostra con una grossa pietra in mano. È inoltre accusato di avere rubato scarpe in un negozio saccheggiato dai dimostranti. Non aiuta la circostanza che il padre abbia un patrimonio di 78 milioni di sterline (circa 90 milioni di euro), che ne fa l´861esimo uomo più ricco del Regno Unito. A completare il ritratto del rampollo viziato contribuisce il fatto che Charlie ha studiato in scuole esclusive e poi a Cambridge. L´aumento che porta da 3 mila a 9 sterline annue le tasse universitarie, motivo delle proteste dei compagni, per lui non è un problema. Charlie fa il fotomodello nel tempo libero, veste come una damerino con abiti firmati ed è stato ricevuto a Buckingham Palace quando il padre (adottivo) venne fatto baronetto per meriti musicali.

Il suo arresto non è tuttavia l´unico strascico delle violenze della settimana scorsa. Ci sarà un´inchiesta sul grave trauma cranico riportato da uno studente di 20 anni preso a manganellate in testa e sulle percosse sofferte da un altro, paraplegico, sbattuto giù dalla sedia a rotelle. Oltre a Charlie Gilmour, anche la polizia potrebbe avere bisogno di una diversa educazione.

Repubblica