Processo Meredith: Rudy Guede smentisce Mario Alessi. Amanda Knox: “Siamo innocenti”

PROCESSO MEREDITH – Giorni fa Mario Alessi, il muratore condannato per l’omicidio del piccolo Tommaso Onofri, aveva dichiarato che Rudy Guede gli aveva confessato che a uccidere Meredith Kercher sarebbe stato un suo amico e quindi Amanda Knox e Raffaele Sollecito sarebbero innocenti. Ma ieri pomeriggio l’ivoriano è tornato in aula a Perugia e smentito di aver parlato delle sue vicende processuali con Alessi, spiegando di essersi fermato a parlare del più e del meno e che “buon giorno e buona sera non si negano a nessuno”. Uscito dall’aula la parola è passata ad Amanda Knox che ha rilasciato una dichiarazione spontanea: “La sola volta che Rudy, Raffaele e io ci siamo radunati insieme è stata in un’aula di giustizia. Lui sa che non c’entriamo niente e mi spiace non potergli dire che agli sbagli si rimedia solo dicendo la verità”, ha detto la giovane americana accusata di omicidio. Il suo fidanzato Raffaele Sollecito ha preso per ultimo la parola e ribadito di non aver mai visto Rudy Guede prima del caso Meredith.

Intanto entro giovedì sarà depositata la perizia sulle tracce di Dna trovate sul reggiseno di Meredith, mentre entro settembre ci sarà la sentenza.

Redazione