Crisi, Bce: persi nell’Eurozona 4 milioni di posti di lavoro

La sede della Banca Centrale Europea a Francoforte (Getty Images)

BCE CRISI LAVORO – Dall’inizio della crisi economico-finanziaria nel 2008 al primo trimestre del 2012 si sono persi nell’Eurozona oltre 4 milioni di posti di lavoro. Lo comunica nel suo bollettino mensile la Banca centrale europea. Per contrastare questa grave emergenza occorrono “riforme incisive dei mercati del lavoro e dei beni e servizi”, ha spiegato la Bce. Altrettanto importanti sono per l’istituto di Francoforte anche il risanamento dei conti pubblici e le misure per “migliorare il funzionamento del settore finanziario”.

Per quanto riguarda la crisi del debito la Bce è pronta con il piano “anti-spread”, consistente nell’acquisto dei titoli di Stato dei Paesi in difficoltà sugli spread, purché “le condizioni imposte dai programmi siano integralmente rispettate”.

Redazione

Con direttanews.it sei sempre al centro delle notizie, clicca QUI e diventa fan