Parla con un amichetto a scuola, poi il dramma improvviso

Bambini escono da scuola (Andreas Rentz/Getty Images)
Bambini escono da scuola (Andreas Rentz/Getty Images)

Stava chiacchierando con un compagno di  classe nel cortile della scuola dopo avere pranzato in mensa, quando all’improvviso si è accasciato a terra: ad accusare il malore è stato un bambino di dieci anni, che è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Borgo Trento di Verona. Pur essendo ricoverato nel reparto di terapia intensiva, il ragazzino se la dovrebbe cavare. L’episodio è avvenuto alla primaria “Monsignor Bertapelle” di Noventa Vicentina.

A salvare il bimbo, intervenendo prontamente, è stato un insegnante, presente in cortile per il servizio di sorveglianza, che ha praticato all’alunno un massaggio cardiaco. Allertati immediamente i genitori, giunti subito sul posto, mentre arrivavano anche due ambulanze, dal locale ospedale e dal San Bortolo di Vicenza. I sanitari hanno praticato le prime cure, stabilizzando le condizioni del bimbo e chiamando l’elisoccorso del Suem di Verona.

Qualche giorno fa, una ragazza di 14 anni, Veronica Griffani, residente a Recoaro Terme, dove frequentava l’istituto alberghiero, è morta durante l’ora di educazione fisica. Si tratta di episodi che purtroppo sono frequenti. Due mesi fa, all’Istituto alberghiero “G. Marchitelli” di Roccaraso in provincia de L’Aquila. Christian Lombardozzi, un ragazzo di 16 anni residente a Roccacinquemiglia, è deceduto dopo una banale caduta dalla sedia.

A fine gennaio, è invece morta una ragazzina con problemi cardiaci che si era sentita male in classe, a Pavullo, paesino delle montagne modenesi. A ottobre, durante l’ora di educazione fisica, aveva accusato un malore un bambino di dieci anni, nella scuola elementare del Favaro in via Ticino, a La Spezia.

Le news di oggi in meno di tre minuti

GM