Deputata in aula con il niqab: ecco le reazioni

 Wiebke Muhsal (Youtube)
Wiebke Muhsal (Youtube)

Voleva essere una provocazione e se il suo intento era quello di scatenare polemiche c’è senza dubbio riuscita. La  deputata regionale di Afd, Wiebke Muhsal, ha scatenato una specie di rivolta nel parlamento della Turingia quando è entrata in aula indossando un niqab, il velo islamico che copre l’intero corpo della donna compreso il volto e lascia visibili soltanto gli occhi attraverso una piccola fessura. La deputata appartenente al partito nazional-populista voleva mostrare in questo modo il suo disappunto e il suo dissenso in merito alla discussione che ci si apprestava a fare in merito agli asili politici concessi ai migranti. Quando è entrata vestita così il presidente dell’assemblea ha richiamato la deputata all’ordine e la seduta è stata sospesa per alcuni minuti mentre gli altri deputati inveivano contro di lei e la sua sceneggiata dimostrativa. Dopo la bagarre Wiebke Muhsal si è tolta il niqab e i lavori sono ripresi non senza problemi e polemiche.

F.B.