Manchester, identificata la terza vittima

John Atkinson (Facebook)

Il tristissimo computo delle vittime dell’attentato di Manchester prosegue così come il tremendo processo di identificazione. Dopo Saffie Rose Roussos, di soli otto anni e Georgina Callander di 16 ora è il turno di John Atkinson, 28 anni di Radcliffe. Lo riferisce la Bbc. Sono loro le tre vittime finora identificate tra le 22 che l’attentato kamikaze ha lasciato sul campo.

Così, mentre sale la rabbia tra la popolazione britannica e si è arrivati persino all’incendio doloso dell’ingresso di una moschea, aumenta anche la paura che altri attentati avvengano magari in altri grandi eventi e concerti sparsi per l’Europa, Italia compresa. La paura, lo sappiamo, è ciò che vogliono i terroristi. Bisogna reagire e andare avanti con la vita di tutti i giorni. Un precetto facile da dire e scrivere, molto meno da mettere realmente in atto. L’insicurezza si insinua ovunque, la tristezza predomina su tutto, il cordoglio si trasforma in rabbia e disperazione. No, non devo averla vinta loro con la loro strategia del terrore. Ma quanto è difficile rimanere calmi ed agire correttamente?

F.B.