domenica in

(Websource/archivio)

‘Domenica In’ continua a far parlare per i bassi ascolti che hanno portato già dopo due puntate ad assistere a dei cambiamenti. Il programma condotto da Cristina e Benedetta Parodi continuerà ad avvalersi ad esempio dell’apporto di Claudio Lippi, anche se il quiz ‘Tre per Tre’ affidato allo stesso è stato estromesso dalla scaletta ufficiale. Ed una conferma di ciò si ha anche dalla sparizione del format dall’elenco presente sul sito dei casting della Rai. ‘Tre per Tre’ avrebbe dovuto prendere piede con la partecipazione di persone comuni, dopo l’avvio in cui erano stati coinvolti dei vip a comporre tre squadre legate da un grado di parentela fra i partecipanti. Ma lo scorso 22 ottobre di ‘Tre per Tre’ all’interno di ‘Domenica In’ non ve n’è stata traccia. C’è anche chi ipotizza che questa scelta rappresenti una sorta di punizione nei confronti dello stesso Claudio Lippi, che era stato rimproverato in diretta dalle Parodi per aver fatto il gesto dell’ombrello durante una gag comica. Il classe 1995 era rimasto in disparte per quasi tutta la puntata e per molti quanto successo rappresenta una sorta di sfogo. Lippi rimarrà comunque nel cast di ‘Domenica In’.

‘Domenica In’, serve una svolta

Cristina Parodi aveva rilasciato una dichiarazione di stima nei confronti di Claudio Lippi in un’intervista comparsa nei giorni scorsi sul quotidiano ‘Libero’ e rilasciata qualche giorno prima dell’avvio ufficiale del programma, il cui scarso share deve aver sorpreso non poco i vertici dirigenziali della Rai. La 52enne conduttrice di Alessandria si era detta consapevole dell’onore e dell’onere che prendere le redini di una delle trasmissioni dall’importanza storica più elevata della televisione italiana avrebbe comportato. L’ex conduttrice di ‘Verissimo’ ha definito Claudio Lippi “un veterano della tv di qualità ed un vero uomo di spettacolo, con cui sono davvero entusiasta di lavorare. Stare assieme a ‘Domenica In’ rappresenta una bella sfida, prepariamo il programma sin dalla scorsa estate e vogliamo renderlo godibilissimo per tutte le sue ore di durata. Quello che vogliamo fare è trasformarlo in un contenitore universale nel quale si potrà parlare di attualità, spettacolo, cronaca, anche con ospiti ed interviste”. Intanto il programma e le sue presentatrici incassano altre critiche, stavolta da Giampiero Galeazzi, uno dei volti storici della trasmissione nel periodo in cui alla conduzione c’era Mara Venier.

S.L.