Danilo Petrucci approfitta della sosta per prendere la patente A – FOTO

Altra bella notizia per il ducatista, dopo il rinnovo del contratto

Danilo Petrucci, fresco di rinnovo con Ducati per il 2020, ha approfittato della pausa estiva iniziata al termine del Gran Premio del Sachsenring per raggiungere un ulteriore traguardo. Il pilota italiano ha ottenuto la patente A, che permette a chi la possiede di poter circolare in strada con un motociclo di qualsiasi cilindrata e potenza. Il ternano ne era infatti sprovvisto, e nel corso della sua lunga carriera ha guidato mezzi a due ruote unicamente in pista.

Il 28 enne ha espresso in un tweet la soddisfazione di poter “guidare la moto anche in strada“. Con ogni probabilità si godrà la pausa estiva a bordo di una Ducati stradale, prima che il campionato in cui attualmente occupa la terza posizione in classifica generale riprenda nuovamente il 2 Agosto sul tracciato di Brno.

LEGGI ANCHE: PATENTE, ADESSO SI RISCHIA IL RITIRO ANCHE PER INFRAZIONI LIEVI

Chi è Danilo Petrucci, il pilota Ducati

Danilo Petrucci è un pilota motociclistico nato a Terni il 24 ottobre 1990. Nasce e cresce con la passione per i motori e la velocità tanto che, a soli 4 anni, riceve in regalo per Natale una minimoto che si diverte a guidare per casa. Ad 8 anni ottiene la licenza da pilota ed inizia con i minitrial diventando campione italiano nel 1999 e poi campione regionale di minicross. A 16 anni debutta in sella ad una Honda guadagnandosi il titolo di miglior esordiente, partecipa al campionato Europeo Superstock 600 ed alla Superstock 1000. Nel 2011 entra a far parte del gruppo sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato.

Nell’anno successivo arriva il debutto nel motomondiale in Motogp con la IodaRacing Procjet. Il primo podio lo conquista nel 2015 in Gran Bretagna con la Ducati, scuderia con cui corre ancora adesso e con cui, nel 2018, arriva secondo nel Gran Premio di Francia. Nel frattempo lascia la Polizia per cedere il suo posto ad un giovane davvero bisognoso di quel lavoro e continua a sognare di correre la Dakar.

Anni ed anni di duro lavoro e di sacrifici, ma senza che i tanto attesi risultati arrivassero. Sempre qualche problema impediva a Danilo Petrucci di salire sul podio. Così un giorno del 2017, mentre si trovava in aeroporto a Parigi, iniziò a farsi delle domande e soprattutto cercò di capire se non era arrivato il momento di cambiare sport. Durante il volo scrisse tutti i suoi pensieri su un taccuino, ma al momento dell’atterraggio gli arrivò la notizia della morte del pilota Nicky Hayden. Fu come una scossa per Petrucci che decise di continuare: niente e nessuno gli avrebbe tolto la voglia di fare ciò che ama.