Ribery si presenta: “Ecco perché ho scelto la Fiorentina”

Fiorentina, parla Franck Ribery. Il fuoriclasse francese spiega il motivo della scelta viola e traccia le prospettive del club

Fiorentina, è stato il giorno di Franck Ribery. Dopo maxi festa in città tra il suo arrivo e la presentazione ufficiale, il fuoriclasse francese si è presentato anche in conferenza stampa. Il 36enne, dopo 12 anni al bayern Monaco, spiega i motivi della scelta viola e le prospettive nel campionato italiano.

Il calciatore esordisce così: “Voglio ringraziare i miei agenti e la dirigenza. C’è stato un lungo confronto tra le parti, e alla fine abbiamo e abbiamo trovato un accordo che mi ha reso felice. Sono molto felice di essere qui. Ho accettato perché ho visto in questa dirigenza tanta motivazione e fiducia nei miei confronti. Anche mia moglie è stata determinante per questa scelta:  la famiglia per me è fondamentale”. 

Fiorentina, Ribery si presenta

Piuttosto che strappare milioni in campionato come quello cinese o statunitense, Ribery ha deciso di rimettersi in gioco seriamente: “Perché il calcio è la mia vita, e quindi ho deciso di restare in Europa. Sono stato fortunato a trovare la Fiorentina, vorrei giocare fino a 40 anni come ha fatto Totti”. E ora la voglia di iniziare è tanta: “Sono molto motivato e affamato, voglio essere decisivo in campo e aiutare i giovani di questa squadra. Vorrei portare anche qualcosa di nuovo in città, magari portandola nella top 5 o top 3”. 

Inevitabile un commento sulla maxi accoglienza: “E’ stata eccezionale, Firenze mi ricorda Marsiglia perché la gente vive per il calcio”. Tuttavia, il debutto non dovrebbe avvenire sabato sera per Fiorentina-Napoli: “Non sono ancora pronto – ammette il giocatore -, ma sono contento perché proprio oggi ho lavorato con la squadra. Ho bisogno di una settimana o forse due per giocare. Ma se il mister mi dice che ha bisogno, io vado. Sono così. Ma non sono pronto anche se risponderei presente”.

 

P.C.

 

Leggi anche: Roma, Zappacosta si presenta: “Stimolante giocare in una big”