Gelati, attenzione a quelli preparati con prodotti chimici | Ecco come riconoscere la qualità del cibo dell’estate

È arrivata la stagione dei gelati, anche se ormai è consuetudine consumarli durante tutto l’anno. Ma è ora il momento più giusto per assaporare gli innumerevoli gusti di questa delizia. Non sempre, però, ci propongono prodotti d’eccellenza; bisogna fare attenzione a quello che acquistiamo.

La qualità dei prodotti che ci vengono proposti non è sempre la stessa. A prescindere dal gusto personale che ovviamente può variare, é molto importante valutare ciò che ci viene  offerto e non farci ingannare dall’aspetto che può nascondere più di qualche insidia.

Il gelato, attenzione a come viene prodotto (fonte web) direttanews.it (1)
Il gelato, attenzione a come viene prodotto (fonte web)

E’ ovviamente compito del gelataio attirare più clientela possibile con una presentazione allettante per gli occhi e per il palato. Ecco perché, sempre più spesso, si passa di fronte a vetrine molto colorate che richiamano l’attenzione dei consumatori al primo sguardo. A fronte di un aspetto invitante, però, non sempre si nasconde un prodotto d’alto livello. Anzi, è più frequente il fatto che, dietro ad una vaschetta dal colore molto acceso, si celi un prodotto tutt’altro che artigianale.

Anche l’occhio vuole la sua parte, ma…non sempre!

Meglio evitare bizzarri gusti dai colori fluo, come il puffo, tanto diffuso negli anni ’80, il gusto chewing gum di un rosa fucsia e il pistacchio dal colore verde fosforescente. Quasi sicuramente ci troviamo di fronte ad impasti con un’alta densità di coloranti chimici che rendono il gelato un prodotto di scarsa qualità.

È molto importante anche valutarne la consistenza. Anche se a prima vista un gelato che resiste alle alte temperature può essere più allettante, vi sconsigliamo di acquistarne uno con questa caratteristica. All’interno sicuramente conterrà un’altissima quantità di grassi idrogenati che permettono al gelato di resistere a temperature un po’ più elevate, ma che renderanno il prodotto meno salutare.

Il gelato, freddo ma non freddissimo!

Occhio anche alla temperatura impostata nel banco frigo. E’ fondamentale che si aggiri tra i -14 e -16 °C . Se notate che il gelato risulta troppo freddo al gusto, questo potrebbe significare che durante la sua preparazione sia stata incorporata una quantità eccessiva di aria, che abbia quindi il reso il dolce non equilibrato. Ecco perché già alla vista si può capire se un gelato è di buona qualità o meno.

Occhio ai colori troppo accesi e al sapore del gelato (fonte web) direttanews.it
Occhio ai colori troppo accesi e al sapore del gelato (fonte web)

Cercate di notare se al suo interno sono presenti dei cristalli di ghiaccio che non dovrebbero assolutamente comparire poiché indici di una conservazione errata del prodotto.

In ultimo, ma non per questo più banale, l’attenzione che si deve prestare al gusto. Sembra scontato, ma non tutti i sapori corrispondono all’aroma reale dell’ingrediente principale utilizzato. Il pistacchio deve avere un retrogusto salato, la fragola non dovrebbe avere un eccessivo sapore di limone e i gusti alle creme dovrebbero rispecchiare il prodotto primario utilizzato.